Col fiume nel cuore

Postato a by CORA in Camminata sul Lambro, Co.Ra. | Lascia un commento  

imm-cittadino-2

Articolo di Giovedì 25 Luglio 2013 de Il Cittadino, quotidiano locale di Monza e Brianza, su Co.Ra.

“Col fiume nel cuore” Così il Lambro diventa la star di un romanzo.

Il corso d’acqua simbolo di Monza è al centro del libro di Roberto Albanese che sarà presentato in Germania al congresso di Storia ambientale

Clicca sull’immagine sotto per leggere l’articolo completo
Articolo Il Cittadino 25 Luglio 2013

I Sentieri di Green Man

Postato a by CORA in Camminata sul Lambro, Co.Ra. | Lascia un commento  

header

Dal 10 al 18 agosto CO.RA. è lieta di presentare “I sentieri di Green Man”, escursioni letterarie attraverso i paesaggi fluviali del Lambro e dei suoi affluenti Brovada e Pegorino.

I SENTIERI DI GREEN MAN

Cosa: escursioni ecoletterarie a piedi alla ricerca dell’anima dei luoghi della Brianza, “orografia gentile vestita di lavoro” (C.E.Gadda), definita dai viaggiatori dell’Ottocento “Eden della Lombardia”. Percorsi di turismo sentimentale per riconciliarsi con la natura e con se stessi, seguendo il motto della conversione ecologica “lentius – suavius – profundius” (più lentamente, più dolcemente, più in profondità). Sentieri tematici che risalgono il Lambro, dedicati alla natura e alla storia ambientale; alla storia della pace legata a donne coraggiose e capaci di perdono e al quasi brianzolo Ernesto Teodoro Moneta, unico italiano ad essere insignito del Premio Nobel per la pace nel lontano 1907, al quale Green Man ha dedicato un Roseto della pace a Monza; alla storia della scienza, raccontando della presenza in Brianza dello scienziato francese Louis Pasteur; all’immaginario e all’arte, narrando di miti come quelli dell’Uomo Verde della Brianza e di chi, come Andrea Appiani ed Eliseo Sala, scelse a ragione questi luoghi come dimora del suo genio creativo.

Quando: da sabato 10 a domenica 18 agosto 2013.

I Sentieri di Green ManI Sentieri di Green Man

Dove: nei paesaggi fluviali del tratto del fiume Lambro a nord di Monza e dei suoi affluenti Brovada e Pegorino. Lungo i pendii montani e pedemontani tra i Corni di Canzo e il Monte di Brianza. Tra i laghi del Segrino, di Alserio e Pusiano. Scorrendo le architetture gotiche della cattedrale di Monza e romaniche delle basiliche di Agliate e Civate. Scoprendo l’eleganza dell’età delle ville di delizia, sviluppatasi tra Rinascimento e Ottocento, apprezzando quello che resta di splendidi giardini e misteriosi parchi. Nella Brianza del lavoro legato all’agricoltura, alla gelsibachicoltura e agli opifici sorti con la rivoluzione industriale. Nei luoghi della memoria della protesta del 1894 di pescatori, mugnai e lavandere di Molino Bassi di Sovico contro l’inquinamento del Lambro, la più antica petizione ecologista della storia italiana. Nei siti dove riecheggia l’eco della narrazione letteraria di autori italiani quali Bacchelli, Gadda, Ghislanzoni e stranieri, come la svizzera Valérie de Gasparin e il francese Stendhal, che sono considerati iniziatori del genere “letteratura del viaggio”.

Come: attraverso percorsi facili di durata indicativa media di 15 km durante la settimana, e di 30 per le escursioni lunghe di domenica 11 e di Ferragosto. Con scarpe e abbigliamento da escursione, nonché pasto al sacco nello zaino. A richiesta viene inviato programma e calendario dettagliato. L’itinerario specifico definitivo verrà concordato con chi si iscriverà.
I percorsi vengono realizzati a condizione che si raggiunga il numero minimo di 5 iscritti.
Contributo per spese organizzative € 5 a persona a giornata; € 25 per l’intero ciclo.

Chi: progetto ideato e gestito da Roberto Albanese, Direttore dell’Istituto Green Man di Monza, storico dell’ambiente e scrittore. Autore del romanzo Con il fiume nel cuore. La quasi leggenda del Lambro, Il Cartiglio Mantovano Editore, Mantova, 2012 e del progetto “Il sentiero stendhaliano del viaggio in Brianza” (2008). Ha anche ideato e curato nel 2012 l’allestimento a Sovico (MB) della mostra permanente all’aperto “Il Mulino dei cittadini del fiume” e del “Roseto della pace” di Monza. Il roseto, realizzato nel 2007 nel quartiere S.Biagio, è stato il primo elemento di una rete nascente di roseti e di sentieri delle donne di pace della Lombardia, illustrata nella mostra “Le donne di pace del Risorgimento”, cofinanziata nel 2011 da Regione Lombardia e da vari enti locali in occasione del 150° dell’Unità d’Italia, di cui Albanese è stato responsabile scientifico.
Attualmente si dedica allo sviluppo dell’idea progettuale “euroecopaxlanscaping“, che si configura come proiezione geografica, in chiave di turismo culturale, delle vicende avventurose di figure letterarie di giovani donne dell’Ottocento “pellegrine della pace” individuate sulla base di ricerche svolte. Ipotesi di lavoro del progetto è che l’esperienza brianzola e lombarda diventi il fulcro di un progetto di rete sentieristica europea dedicata alle donne di pace. Rete che, partendo dai campi di battaglia risorgimentali italiani, dove per merito delle donne lombarde nacque nel 1859 il movimento umanitario, si apra ad ovest verso la Francia e ad est verso i Balcani, raggiungendo la Romania.

Inoltre: il programma “I sentieri di Green Man” è inserito nella Summer School dell’Istituto Green Man “Ecoletteratura come cura delle ferite del cuore e dell’ambiente. Dal rancore al perdono e alla riconciliazione. Narrazioni, luoghi e paesaggi, simboli. La Brianza come laboratorio di sperimentazione letteraria, teatrale e paesaggistica”. L’iniziativa, coordinata da Roberto Albanese e Attilio Tagliabue, si svolge nello stesso periodo, in occasione dell’apertura estiva del COWO Sovico. Su richiesta è inviato programma specifico.

Info: info@greenman.it
Tel: 348 70 59 690

I Sentieri di Green ManI Sentieri di Green Man
I Sentieri di Green Man

Camminata sul Lambro

Postato a by CORA in Camminata sul Lambro | Lascia un commento  

lambro